Ultimo aggiornamento: 05-07-2015 - 08:23
Domenica 5 Luglio 2015

Paolo Rossi

Giovedì alla Città del Teatro con Mistero Buffo versione pop 2.0

Cascina - il 29/03/2012

Appuntamento alla Città del Teatro di Cascina. Lo spettacolo è diretto da Carolina De La Calle Casanova e vede la partecipazione di Lucia Vasini

Rimandato al 29 marzo alle 21 causa malattia dell'artista. Tutti i possessori di biglietto possono presentare il titolo già acquistato direttamente il 29 marzo ore 21 alla biglietteria de La Città del Teatro. Coloro che volessero invece il rimborso del biglietto possono recarsi entro il 29 marzo nel punto vendita in cui hanno effettuato l’acquisto.

Ancora una volta Paolo Rossi torna sul palco de La Città del Teatro di Cascina
Se Gesù Cristo tornasse oggi chi sarebbe? Cosa potrebbe fare? Saremmo in grado di riconoscerlo e seguire la sua rivoluzione, i suoi dogmi, i suoi miracoli?
Clandestino allora come tanti oggi nel nostro paese fu accolto, ammirato, perseguitato e poi giustiziato. Un Gesù raccontato da un giullare, da Giuda, da Maria e dal popolo. Oggi, per paradosso, ognuno di noi è un povero cristo, ognuno di noi è “in fila alla biglietteria del cinema Italia”.
Ogni sera diverso – nonostante non ci sia niente di improvvisato -, recitato con il pubblico e non per il pubblico, è uno spettacolo ricco di cambi di registro, è un’allegoria che confonde i generi, la finzione con la realtà, i sogni del popolo con la cronaca. Un viaggio corale dove la musica di Emanuele Dell’Aquila si fa personaggio e anche drammaturgia, in continua interazione con l’azione scenica.
I misteri non finisco mai: il maestro Dario Fo non ha finito di raccoglierle e in ogni angolo della strada troviamo nuove storie che diventano parte del nostro mistero e si integrano con l’originale, lo arricchiscono, lo trasformano.
Come è successo nel 1969, anche il nostro Mistero Buffo è un’operazione politica: come 40 anni fa, la nostra è ancora un’epoca in cui difendere dei valori significa difendere la sopravvivenza. Ma è anche un’operazione culturale perché vuole recuperare insieme al pubblico le radici profonde del teatro popolare. Abbiamo capito che il teatro, unico animale vivo, non cambierà il mondo ma può cambiare noi e aiutarci a resistere.

Carolina De la Calle Casanova

Sembrava impossibile trovare un altro degno interprete del celebre Mistero buffo di Dario Fo, nonostante le diverse versioni  proposte negli anni di uno dei monologhi più belli e difficili del nostro teatro.
Paolo Rossi  ci è riuscito anche con l’approvazione del suo maestro,  Dario Fo in persona, con cui iniziò nel ’78 a fare teatro. Così il nuovo giullare, interprete del malumori del popolo verso i potenti, è diventato  proprio lui e sarà in scena con il suo Mistero Buffo a La Città del Teatro di Cascina giovedì 29 marzo alle 21.
Lo spettacolo diretto da Carolina De La Calle Casanova   e con la partecipazione di  Lucia Vasini (produce La Corte Ospitale di Rubiera con la Compagnia del Teatro Popolare) è infatti un omaggio al maestro Dario Fo, ma è anche un’avventura, uno spettacolo che si allontana il più possibile dalla versione originale diventando un contenitore unico, dove i misteri originali e quelli nuovi si uniscono e si miscelano, come accade nel teatro popolare.  Ogni sera diverso, recitato con il pubblico e non per il pubblico, è uno spettacolo ricco di cambi di registro, è un’allegoria che confonde i generi, la finzione con la realtà, i sogni del popolo con la cronaca. Un viaggio corale, in cui la musica di Emanuele Dell’Aquila si fa personaggio e drammaturgia, in continua interazione con l’azione scenica.

Ci sono i monologhi più famosi del Mistero Buffo di Fo, dalla «Nascita del giullare» alla «Resurrezione di Lazzaro», che rileggono in chiave buffonesca i misteri religiosi medievali. Comuni denominatori fra il mistero di  Rossi e  quello di Fo: la prospettiva del racconto, quella della povera gente, e il recupero delle radici più profonde del teatro popolare, della Commedia dell'Arte con i suoi lazzi, sketch, canovacci, meccanismi di improvvisazione e grammelot e quella lingua inventata che è l'imprescindibile valore aggiunto di quest'opera.

Solo in scena con il musicista, Rossi rende omaggio al maestro, ma insieme ai pezzi storici del Mistero costruisce un percorso parallelo fatto di nuove storie con spunti presi dall’attualità. Ecco allora, a proposito di resurrezioni, un moderno Gesù indeciso se ridare vita a Papa Luciani, a Sindona o ad Aldo Moro. Oppure, nel «Mistero di coloro che ci crocifiggono», un manichino vestito da extracomunitario perché «Gesù ha detto: ero straniero e mi avete accolto, ma questo in Italia vale solo per i calciatori».

Nuove storie che diventano parte del nostro mistero e si integrano con l’originale, lo arricchiscono, lo trasformano. Come è successo nel 1969, anche il nostro Mistero Buffo è un’operazione politica – così dice la regista Carolina De La Calle Casanova - come 40 anni fa, la nostra è ancora un’epoca in cui difendere dei valori significa difendere la sopravvivenza. Ma è anche un’operazione culturale perché vuole recuperare insieme al pubblico le radici profonde del teatro popolare. Abbiamo capito che il teatro, unico animale vivo, non cambierà il mondo ma può cambiare noi e aiutarci a resistere.  

Dunque un’occasione da non perdere quella del 29 a La Città del Teatro per uno spettacolo che pur avendo debuttato nel 2010 continua ad avere una lunga tournèe con sale affollate di pubblico.Sono disponibili ancora posti (intero 25 – ridotto 19 – studenti e disoccupati 10 euro  + prevendita), in vendita presso la Città del Teatro a partire dalle ore 20 o presso la Biglietteria del Teatro Verdi, on line su www.greenticket.it.
Per informazioni info@lacittadelteatro.it, tel biglietteria050.3144886, www.lacittadelteatro.it

 

Accade in città

Marenia estate 2015

dal 28/05/2015 al 06/09/2015
Arte, musica, spettacolo, buon cibo e molto altro

Arnaldo Pomodoro all'ombra della Torre

dal 27/06/2015 al 31/01/2016
Una mostra tra continuità e innovazione

Sagra del pinolo

dal 03/07/2015 al 12/07/2015
Torna il tradizionale appuntamento a San Piero a Grado

Solitudo Violata

dal 27/06/2015 al 04/10/2015
La Certosa di Calci nella Grande Guerra

Ultime notizie da...

Acque SpA

Orario estivo per il PuntoAcque di Pisa

Bandi, corsi e concorsi

Corso estivo di disegno e pittura “Alla Prima”

Camera di Commercio

Registro Imprese: orario estivo contatti telefonici

Canottieri Arno

Canoa, campioni a tutte le età: tre titoli italiani sul Lago di Auronzo

Caritas

L'arcivescovo di Pisa Giovanni Paolo Benotto incontra i giovani

Carmignani editrice

Colorato esordio di Profondo blu

Cesvot

Cesvot chiude lo stato di crisi e riparte con una nuova organizzazione

Cna - Confederazione Nazionale Artigiani

Condizionatori, al riparo da legionella e concorrenza sleale

Coldiretti

Il vademecum contro gli incendi: ecco cosa fare (e non fare!)

Comune di San Giuliano Terme

Emessa l'ordinanza per la pulizia dei fossi

Confcommercio

Buon Compleanno Confcommercio! Dalle macerie della guerra ai successi di oggi, settanta anni di storia da protagonisti!

Consiglio Territoriale Partecipazione 4

Incontro pubblico sul People Mover

CTT - Nord

Sabato 11 luglio sciopero di 8 ore

Cus - Centro Universitario Sportivo

Atletica: ottimi risultati ai campionati toscani e primati personali in Italia per i cussini

Enel

Raccomandazioni per la stagione estiva: attenzione alle truffe

Famiglia Danzante

Da Tirrenia a Merano in nome della danza

Geoplan

Online la cartina di Pisa, ecco il link

Legambiente Pisa

Legambiente sul Parco di Cisanello: bene il processo partecipativo

Pisamo

Dove parcheggiare a Pisa

Polo Tecnologico di Navacchio

Polo Tecnologico cardioprotetto grazie al Rotaract Cascina

Prefettura di Pisa

Il nuovo viceprefetto Maria Gabriella Folino

Questura di Pisa

Controlli della Polizia alla stazione e contrasto al commercio clandestino

Regione Toscana

Cicloturismo: dieci staffette per conoscere la Toscana

Università di Pisa

Premiata dottoranda di ingegneria industriale dell’Università di Pisa