Ultimo aggiornamento: 01-02-2015 - 09:12
Domenica 1 Febbraio 2015

Paolo Rossi

Giovedì alla Città del Teatro con Mistero Buffo versione pop 2.0

Cascina - il 29/03/2012

Appuntamento alla Città del Teatro di Cascina. Lo spettacolo è diretto da Carolina De La Calle Casanova e vede la partecipazione di Lucia Vasini

Rimandato al 29 marzo alle 21 causa malattia dell'artista. Tutti i possessori di biglietto possono presentare il titolo già acquistato direttamente il 29 marzo ore 21 alla biglietteria de La Città del Teatro. Coloro che volessero invece il rimborso del biglietto possono recarsi entro il 29 marzo nel punto vendita in cui hanno effettuato l’acquisto.

Ancora una volta Paolo Rossi torna sul palco de La Città del Teatro di Cascina
Se Gesù Cristo tornasse oggi chi sarebbe? Cosa potrebbe fare? Saremmo in grado di riconoscerlo e seguire la sua rivoluzione, i suoi dogmi, i suoi miracoli?
Clandestino allora come tanti oggi nel nostro paese fu accolto, ammirato, perseguitato e poi giustiziato. Un Gesù raccontato da un giullare, da Giuda, da Maria e dal popolo. Oggi, per paradosso, ognuno di noi è un povero cristo, ognuno di noi è “in fila alla biglietteria del cinema Italia”.
Ogni sera diverso – nonostante non ci sia niente di improvvisato -, recitato con il pubblico e non per il pubblico, è uno spettacolo ricco di cambi di registro, è un’allegoria che confonde i generi, la finzione con la realtà, i sogni del popolo con la cronaca. Un viaggio corale dove la musica di Emanuele Dell’Aquila si fa personaggio e anche drammaturgia, in continua interazione con l’azione scenica.
I misteri non finisco mai: il maestro Dario Fo non ha finito di raccoglierle e in ogni angolo della strada troviamo nuove storie che diventano parte del nostro mistero e si integrano con l’originale, lo arricchiscono, lo trasformano.
Come è successo nel 1969, anche il nostro Mistero Buffo è un’operazione politica: come 40 anni fa, la nostra è ancora un’epoca in cui difendere dei valori significa difendere la sopravvivenza. Ma è anche un’operazione culturale perché vuole recuperare insieme al pubblico le radici profonde del teatro popolare. Abbiamo capito che il teatro, unico animale vivo, non cambierà il mondo ma può cambiare noi e aiutarci a resistere.

Carolina De la Calle Casanova

Sembrava impossibile trovare un altro degno interprete del celebre Mistero buffo di Dario Fo, nonostante le diverse versioni  proposte negli anni di uno dei monologhi più belli e difficili del nostro teatro.
Paolo Rossi  ci è riuscito anche con l’approvazione del suo maestro,  Dario Fo in persona, con cui iniziò nel ’78 a fare teatro. Così il nuovo giullare, interprete del malumori del popolo verso i potenti, è diventato  proprio lui e sarà in scena con il suo Mistero Buffo a La Città del Teatro di Cascina giovedì 29 marzo alle 21.
Lo spettacolo diretto da Carolina De La Calle Casanova   e con la partecipazione di  Lucia Vasini (produce La Corte Ospitale di Rubiera con la Compagnia del Teatro Popolare) è infatti un omaggio al maestro Dario Fo, ma è anche un’avventura, uno spettacolo che si allontana il più possibile dalla versione originale diventando un contenitore unico, dove i misteri originali e quelli nuovi si uniscono e si miscelano, come accade nel teatro popolare.  Ogni sera diverso, recitato con il pubblico e non per il pubblico, è uno spettacolo ricco di cambi di registro, è un’allegoria che confonde i generi, la finzione con la realtà, i sogni del popolo con la cronaca. Un viaggio corale, in cui la musica di Emanuele Dell’Aquila si fa personaggio e drammaturgia, in continua interazione con l’azione scenica.

Ci sono i monologhi più famosi del Mistero Buffo di Fo, dalla «Nascita del giullare» alla «Resurrezione di Lazzaro», che rileggono in chiave buffonesca i misteri religiosi medievali. Comuni denominatori fra il mistero di  Rossi e  quello di Fo: la prospettiva del racconto, quella della povera gente, e il recupero delle radici più profonde del teatro popolare, della Commedia dell'Arte con i suoi lazzi, sketch, canovacci, meccanismi di improvvisazione e grammelot e quella lingua inventata che è l'imprescindibile valore aggiunto di quest'opera.

Solo in scena con il musicista, Rossi rende omaggio al maestro, ma insieme ai pezzi storici del Mistero costruisce un percorso parallelo fatto di nuove storie con spunti presi dall’attualità. Ecco allora, a proposito di resurrezioni, un moderno Gesù indeciso se ridare vita a Papa Luciani, a Sindona o ad Aldo Moro. Oppure, nel «Mistero di coloro che ci crocifiggono», un manichino vestito da extracomunitario perché «Gesù ha detto: ero straniero e mi avete accolto, ma questo in Italia vale solo per i calciatori».

Nuove storie che diventano parte del nostro mistero e si integrano con l’originale, lo arricchiscono, lo trasformano. Come è successo nel 1969, anche il nostro Mistero Buffo è un’operazione politica – così dice la regista Carolina De La Calle Casanova - come 40 anni fa, la nostra è ancora un’epoca in cui difendere dei valori significa difendere la sopravvivenza. Ma è anche un’operazione culturale perché vuole recuperare insieme al pubblico le radici profonde del teatro popolare. Abbiamo capito che il teatro, unico animale vivo, non cambierà il mondo ma può cambiare noi e aiutarci a resistere.  

Dunque un’occasione da non perdere quella del 29 a La Città del Teatro per uno spettacolo che pur avendo debuttato nel 2010 continua ad avere una lunga tournèe con sale affollate di pubblico.Sono disponibili ancora posti (intero 25 – ridotto 19 – studenti e disoccupati 10 euro  + prevendita), in vendita presso la Città del Teatro a partire dalle ore 20 o presso la Biglietteria del Teatro Verdi, on line su www.greenticket.it.
Per informazioni info@lacittadelteatro.it, tel biglietteria050.3144886, www.lacittadelteatro.it

 

Accade in città

Il rumore della memoria

il 02/02/2015
Proiezione del film di Marco Bechis e incontro con Vera Vigevani

Amedeo Modigliani

dal 03/10/2014 al 15/02/2015
La grande mostra a Palazzo Blu

Corsa a piedi per fantini

il 01/02/2015
Sulla pista dell'Ippodromo di San Rossore

Carnevale di Viareggio 2015

dal 30/01/2015 al 28/02/2015
Corsi mascherati e feste rionali

Ultime notizie da...

Acque SpA

Possibili gelate: i consigli di Acque spa

Acsi Pisa

I risultati del calcio a sette

Aoup - Azienda Ospedaliera-Universitaria Pisana

La chirurgia generale dell’aoup protagonista all’Ewalt

Banca del Tempo

Aiuto reciproco: alla Leopolda sportello per scambiarsi servizi

Bandi, corsi e concorsi

Corsi di scrittura creativa

Cesvot

Tra profit e non profit. Pubblicato il nuovo Quaderno Cesvot

Coldiretti

Pizza: i giocatori del Pisa contro le imizitazioni

Comune di San Giuliano Terme

Lavori per la pubblica illuminazione

Consiglio Territoriale Partecipazione 2

Convocazione mercoledì 4 febbraio

Cus - Centro Universitario Sportivo

Pentathlon: Erica Marchetti vince il titolo italiano allieve

GAMeC-CentroArteModerna

La natura morta ieri e oggi: selezione artisti

Geoplan

Online la cartina di Pisa, ecco il link

Pisamo

Dove parcheggiare a Pisa

Prefettura di Pisa

Il Prefetto Visconti ha incontrato il Vicesindaco Ghezzi

Provincia di Pisa

Gara bus: incontro Provincia - Sindacati

Regione Toscana

Un milione e 700mila euro alla Provincia di Pisa per le strade regionali

Scuola di circo Antitesi

Walking on Circus: una passeggiata tra le discipline circensi

Scuola Superiore Sant'Anna

Pace e diritti delle donne: nuovo corso in Somaliland

Settore Giovanile AcPisa 1909

Il nerazzurro Alberto Saluzzo è stato convocato in Nazionale U16 di Lega Pro

Stella Maris

Carnevale alla Stella Maris con Ondina e Burlamacco

Telecom Italia

Il 4G veloce sbarca a Pisa

Traffico e lavori pubblici

Domenica mattina lungarni chiusi per manifestazioni

Università di Pisa

Assegnato a due neolaureate in Letteratura italiana il Premio Carpi