40 anni di “Egitto e Vicino Oriente”

    40 anni di “Egitto e Vicino Oriente”

    Università di Pisa -

    SHARE

    Ha festeggiato i suoi primi 40 anni la rivista “Egitto e Vicino Oriente”, fondata nel 1978 e da allora diretta da Edda Bresciani, Professore Emerito dell’Università di Pisa. In questa occasione la rivista, che è edita dalla Pisa University Press, si presenta con un inedito disegno di copertina color oro. La ricorrenza è stata celebrata martedì 10 luglio, a Palazzo alla Giornata, nell’ambito di una cerimonia organizzata dalla Pisa University Press, alla quale sono intervenuti il rettore Paolo Mancarella, la prorettrice vicaria Nicoletta De Francesco, il direttore generale, Riccardo Grasso, il direttore del dipartimento di Civiltà e forme del sapere, Pierluigi Barrotta, le professoresse Alessandra Avanzini Marilina Betrò, il professor Gianluca Miniaci, il ricercatore Paolo Marini e altri giovani docenti, oltre all’amministratore unico della casa editrice dell’Ateneo, Claudia Napolitano. Era presente la professoressa Edda Bresciani, alla quale sono legate molte delle fortune degli studi egittologici pisani, che costituiscono uno dei settori di maggior prestigio dell’Ateneo. “Ero già Ordinaria da dieci anni – ha ricordato la professoressa Edda Bresciani – quando decisi, con un certo coraggio, di fondare una rivista egittologica pisana: il nome ‘Egitto e Vicino Oriente’ mi sembrò efficace; il disegno sulla copertina, bi-diviso, mostrava le due anime delle nostre ricerche nell’ambito del dipartimento. Tolsi il disegno da una tavola dei ‘Monumenti’ di Ippolito Rosellini, il fondatore dell’Egittologia pisana, anzi italiana, anzi mondiale, che per primo nel 1826 insegnò Egittologia a Pisa. Fondai la rivista registrandola a mio nome, ma con l’intenzione di non conservarla tale. Infatti mi consultai con il rettore del tempo, il professor Ranieri Favilli, e cedetti contrattualmente la rivista per la cifra simbolica di una lira, stabilendone la direzione a me stessa a vita. Così nel 1978 uscì il primo numero”. “La rivista – ha sottolineato il rettore Paolo Mancarella – è nata con l’obiettivo di diffondere i risultati scientifici raggiunti nell’allora Istituto ‘Ippolito Rosellini’, poi Dipartimento di Scienze storiche del mondo antico, al cui interno la tradizione di studi egittologici veniva progressivamente affiancata dalle discipline orientalistiche, archeologiche e filologiche. Sin dagli inizi, dunque, la rivista si è caratterizzata per la pluralità d’interessi, oltre che per l’apertura ai giovani ricercatori e agli studiosi di altre università, con una significativa presenza di autori stranieri. Ben presto è diventata voce autorevole e accreditata sia a livello nazionale che internazionale, e oggi la sua raccolta è custodita in molte biblioteche universitarie di tutta Italia”.

    SHARE