Assegnazione contributi affitto

    Assegnazione contributi affitto

    Comune di Vicopisano -

    SHARE

    E’ stato pubblicato a maggio dal Comune di Vicopisano il bando per l’assegnazione di contributi a integrazione del canone di locazione per l’anno 2018. Fino al 14 luglio 2018 le persone in possesso dei requisiti elencati nel bando stesso potranno presentare domanda, fino a esaurimento delle risorse disponibili. Le domande presentate entro e non oltre il 14 luglio, a pena di esclusione, daranno titolo a concorrere all’assegnazione del contributo a partire dal primo gennaio 2018 e fino al 31 dicembre 2018 o dalla data di attribuzione della residenza anagrafica nell’alloggio oggetto di stipula del contratto di locazione, se successiva al primo gennaio 2018. Per l’ammissione al presente bando è necessario il possesso dei seguenti requisiti, alla data di presentazione della domanda: residenza anagrafica nell’immobile con riferimento al quale si richiede il contributo, situato nel Comune di Vicopisano, cittadinanza italiana o di uno Stato appartenente all’Unione Europea oppure di uno Stato non aderente all’Unione Europea a condizione di essere in possesso di: permesso di soggiorno in corso di validità o permesso per soggiornanti di lungo periodo, residenza da almeno dieci anni ininterrotti nel territorio nazionale ovvero da almeno cinque anni ininterrotti nella Regione Toscana; titolarità di un contratto di locazione a uso abitativo, regolarmente registrato all’Ufficio delle Entrare e in regola con il pagamento annuale dell’imposta di registro o per il quale il proprietario si è avvalso, comunicandolo al conduttore, del regime della “cedolare secca”, per prima abitazione di un alloggio di proprietà privata ubicato nel Comune di Vicopisano con obbligo di residenza anagrafica nello stesso alloggio. Con riferimento a tale contratto si dovrà specificare se è presente una situazione di morosità all’atto della presentazione della domanda e se risulta avviata una procedura di sfratto e dovranno essere indicati tutti gli elementi idonei a identificare l’alloggio e la tipologia contrattuale, nonché i metri quadrati dell’alloggio stesso. E inoltre: non titolarità di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su immobili a uso abitativo nel territorio italiano o all’estero, da parte del richiedente e di ciascun componente del suo nucleo familiare, fatto salvo il caso di titolarità di proprietà assegnate in sede di separazione giudiziale al coniuge ovvero titolarità di pro-quota di diritti reali dei quali sia documentata la non disponibilità. A tale riguardo i cittadini italiani e comunitari dovranno autocertificare in domanda tale requisito. I cittadini extracomunitari dovranno allegare alla domanda o entro i termini per la presentazione di eventuali ricorsi, la certificazione rilasciata dalla competente autorità del Paese d’origine, oppue dal Consolato o dall’Ambasciata del Paese di origine, in lingua italiana o corredata di traduzione in lingua italiana autenticata dalla autorità consolare italiana, che attesti quanto richiesto dal bando. Nel caso di proprietà pro-quota di alloggio, dovrà essere allegata la certificazione di indisponibilità dell’alloggio, tradotta in italiano secondo le forme di legge di cui sopra. Si precisa che generalmente tali certificazioni hanno validità di sei mesi, pertanto chi è in possesso di una certificazione non scaduta al momento della presentazione della domanda, potrà utilizzarla. Sono esentati dal presentare la certificazione di cui sopra i cittadini extracomunitari in possesso di un permesso di soggiorno per asilo politico, protezione sussidiaria e motivi umanitari. Tali nuclei dovranno solo autocertificare l’assenza di titolarità. Le condizioni di asilo politico, protezione sussidiaria e motivi umanitari devono essere chiaramente certificati nei relativi titoli di soggiorno. Infine è enecessario: possedere una attestazione ISEE 2018 rilasciata dall’INPS e riferita a tutti i componenti del nucleo familiare rientrante nei valori di seguito indicati: per la fascia A valore ISE non superiore all’importo di due pensioni minime INPS per l’anno 2018, pari a 13.192,92 Euro, rispetto al quale l’incidenza del canone di locazione, al netto degli oneri accessori, sia almeno pari al 14%; per fascia B valore ISE compreso tra 13.192,92 e 28.470,83 e un valore ISEE non superiore a 16.500 Euro con un’incidenza canone di locazione/ISE almeno pari al 24%, assenza di benefici pubblici percepiti a titolo di sostegno alloggiativo nell’anno 2018. Bando, riepilogo delle delle scadenze e delle altre date da ricordare e modulo per la domanda di assegnazione contributi: www.viconet.it

    SHARE