Due arresti a Pontedera: resistenza a pubblico ufficiale e spaccio

    Due arresti a Pontedera: resistenza a pubblico ufficiale e spaccio

    Arma dei Carabinieri -

    SHARE

    Risale alle prime ore di ieri l’arresto, operato dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Pontedera, di un camerunense di 39 anni, sottoposto a un normale controllo, mentre si trovava in un evidente stato di alterazione alcolemica. L’uomo, insieme ad altri cinque connazionali, era infatti stato segnalato, dai residenti, per gli schiamazzi che nottetempo disturbavano la quiete: i carabinieri, prontamente intervenuti, hanno identificato tutti i presenti; il 39enne, nel tentare di eludere il controllo, ha fatto resistenza al militare che lo stava controllando, fino a strattonarlo per riprendersi i documenti, prima che potessero essere trascritti i suoi dati. Il gesto gli è valso l’arresto in flagranza per resistenza a pubblico ufficiale. Dopo le formalità, lo straniero è stato accompagnato presso il proprio domicilio, in attesa del rito direttissimo, previsto per la mattinata di oggi in Tribunale a Pisa.

    Nella prima serata di ieri a Pontedera, i militari della locale Stazione Carabinieri hanno arrestato un italiano di 41 anni, per detenzione di droga ai fini di spaccio. L’uomo, controllato d’iniziativa su pubblica via, è stato sorpreso con un grammo di eroina occultata sulla persona. La successiva perquisizione, estesza al domicilio, ha permesso di rinvenire altri 11 grammi di cocaina, 1 di eroina, materiale per il confezionamento dello stupefacente, alcuni flaconi di metadone e 350 euro in contanti, ritenuti provento di spaccio. Dopo le formalità, l’arrestato è stato trattenuto presso il domicilio, in regime detentivo, fino alla convalida degli atti, prevista per stamane in Tribunale

    SHARE