Pontedera, arrestati due spacciatori

    Pontedera, arrestati due spacciatori

    Arma dei Carabinieri -

    SHARE

    Continua incessante l’azione di contrasto alla microcriminalità a Pontedera. A finire questa volta in carcere, perché destinatari della massima misura, due pregiudicati di nazionalità marocchina, volti noti alle forze dell’ordine per i precedenti in materia di sostanze stupefacenti, ai quali è stata notificata l’ordinanza di custodia cautelare firmata dal Gip del Tribunale pisano su richiesta della Procura della Repubblica.

    Ai due fermati sono stati contestati i reati di resistenza a pubblico
    ufficiale e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I fatti risalgono alle prime ore del 30 novembre scorso in  Pontedera, allorquando i carabinieri del Nucleo Radiomobile, durante un servizio di controllo alla circolazione stradale nel centro cittadino, insospettiti dalla manovra di inversione di marcia di un veicolo, con due persone a bordo, si sono messi all’inseguimento dell’autovettura lanciata a folle corsa dai due occupanti. I malviventi, nel timore di essere raggiunti, lanciarono dal veicolo un involucro, recuperato dai militari e risultato contenere 14 panetti di hashish, del peso di 50 grammi ciascuno, per complessivi 700 grammi. Lo stupefacente era destinato allo spaccio nei locali del centro e nei luoghi di aggregazione giovanile.

    Le meticolose indagini avviate hanno permesso di risalire al veicolo utilizzato dai due malviventi, identificati compiutamente durante un controllo dei giorni scorsi. Grazie a quest’ultimo elemento chiave, il Pubblico Ministero, dottor Giancarlo Dominijanni, che ha diretto le indagini svolte dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia, ha richiesto al Giudice per le indagini preliminari l’applicazione della custodia cautelare in carcere. L’operazione dei Carabinieri della Compagnia di Pontedera infligge un altro duro colpo nella lotta contro i trafficanti di droga, in un territorio da tempo considerato un crocevia delicato per la nuova rotta dello stoccaggio dello stupefacente: è trascorso meno di un mese dall’operazione svolta dall’Arma di Pontedera, in collaborazione con i colleghi di Monza e San Miniato, che aveva visto il sequestro di circa 3 quintali di hashish e l’arresto di tre giovani magrebini.

    SHARE