Il brand ‘Terre di Pisa’ debutta a Trieste

    Il brand ‘Terre di Pisa’ debutta a Trieste

    Camera di Commercio Pisa -

    SHARE

    Un palcoscenico prestigioso quello che ha visto andare in scena, per la prima volta a Trieste, alla dodicesima edizione della Fiera Olio Capitale, il nuovo brand “Terre di Pisa” nato su iniziativa della Camera di Commercio di Pisa per identificare le peculiarità agroalimentari, artistiche, storiche, naturali e l’offerta turistica dell’entroterra pisano. Inedita ed apprezzata anche la scenografia con il debutto del primo stand della Camera di Commercio griffato “Terre di Pisa” che ha ospitato i sette i produttori che hanno partecipato alla Fiera Olio Capitale dal 3 al 6 marzo alla Stazione marittima di Trieste. La manifestazione triestina, dedicata agli Oli Extra Vergini tipici e di qualità, ha fatto registrare anche quest’anno numeri di rilievo (222 produttori di olio extra vergine d’oliva dall’intero territorio nazionale oltre che da Croazia e Grecia, 303 partecipanti al Concorso Olio Capitale, buyer internazionali, visitatori provenienti da molte parti del mondo) e proposto un programma molto articolato, con show cooking per abbinamento olio/pietanze, degustazioni guidate, mini corsi di assaggio, convegni e molto altro tanto da confermarsi come evento di riferimento per la promozione dei migliori oli extravergini d’oliva italiani.

    Ecco l’elenco delle aziende presenti in fiera: Azienda Agricola Poggio delle Brighelle di Chianni; Castello di Bucignano di Castelnuovo Val di Cecina; Podere San Bartolomeo di Santa Luce; Oleificio Sociale di Buti; Frantoio dei Colli Toscani di Volterra; Agriturismo San Martino di Ponsacco; Frantoio Sanminiatese di San Miniato

    Il commento del Presidente della Camera di Commercio di Pisa, Valter Tamburini: «Anche il sostegno alle realtà pisane che producono e promuovono il nostro olio – afferma il Presidente della Camera di Commercio di Pisa, Valter Tamburini – si salda oggi compiutamente al brand “Terre di Pisa”. L’eccellenza agroalimentare specifica, dunque, oggi ha la possibilità di essere promossa in un contesto e con strumenti di qualità più ampia, più alta, quella garantita da un territorio vasto che con “Terre di Pisa” trova una straordinaria occasione di sintesi. Un percorso iniziato con convinzione e che oggi è motivo di soddisfazione e stimolo per ulteriore lavoro».

    SHARE