Ebanista toscano

    Ebanista toscano

    Cascina -

    La mostra di Enrico Bertini

    SHARE

    Il critico d’arte e assessore alla cultura di Cascina Luca Nannipieri inaugura i capolavori dell’ebanista Enrico Bertini: «Siamo forse di fronte al Michelangelo degli ebanisti toscani del secondo Novecento, che mettiamo in mostra dal 17 al 28 febbraio, presso la sede della Società Operaia (via Palestro 1, Cascina, ingresso gratuito). Enrico Bertini (1923-2015), artigiano poco conosciuto di Cascina, ha costruito, ideato e realizzato in legno strutture architettoniche e decorative di una pregevolezza espressiva ed istrionica di assoluto spessore, che non sono barocche pur rifacendosi al Barocco, che non sono rinascimentali pur avendo la misura e l’equilibrio formale del Rinascimento, che non sono Liberty pur avendo la florida generosità di linee e movenze dell’Art Nouveau. Ci troviamo di fronte ad un artista che ha sperimentato un genere di arte ignota al territorio circostante perché difficilmente collocabile nel tessuto di ville e dimore signorili della provincia (più pigre nelle pitture parietali e nelle composizioni d’arredamento delle sale). Sono convinto che un museo sia la degna considerazione che la cittadinanza deve riconoscere a questo preziosissimo ebanista». All’inaugurazione, organizzata dalla Società Operaia, in collaborazione con il Comune e il Liceo Artistico, prenderanno parte oltre all’assessore Nannipieri, anche la professoressa Gabriella Giuliani, dirigente del Liceo, e il professor Roberto Brunetti. L’esposizione è aperta tutti i giorni dalle 16 alle 18.

    SHARE