Festival delle Libertà Digitali

    Festival delle Libertà Digitali

    Pisa -

    All'Abbazia di San Zeno

    SHARE

    Il 7 ottobre, presso l’Abbazia di San Zeno a Pisa, alla presenza dell’assessore ai servizi e sistemi informatici e statistici David Gay e all’assessore alla cultura Silvia Panichi, si aprirà il Festival delle Libertà Digitali che si chiuderà domenica 9.

    L’iniziativa è stata promossa e organizzata dall’associazione Idee per Pisa con il patrocinio del Comune di Pisa e il supporto di altre organizzazioni, aziende e istituzioni che operano sia sul territorio pisano che in ambito nazionale come: Stati Generali dell’Innovazione, TeCNA, Liber Liber e Linked Open Data. La manifestazione è alla sua terza edizione, ma per Pisa si tratta della prima volta, e si svolgerà in contemporanea anche in altre cinque città italiane: Bologna, Napoli, Padova, Roma e Vicenza su iniziativa di Wikimedia, l’associazione per la diffusione della conoscenza libera. Infatti, il Festival è ispirato al principio della condivisione dell’informazione, dei dati e del software libero ossia, gratuito e aggiornabile da chiunque come Wikipedia, l’enciclopedia libera. 

    E’ ormai una realtà che internet ha dato il via ad un fenomeno sociale di condivisione senza precedenti ed è quindi necessario che l’uso degli strumenti innovativi messi a disposizione dalla rete, esca del ristretto mondo degli addetti ai lavori e si diffonda nella vita pratica di tutti i giorni. Infatti, il festival delle libertà digitali con una serie di seminari che prenderanno il via già da venerdì mattina, si propone proprio di divulgare alcune delle tematiche più importanti dell’open data o dati aperti a tutti, per capire quali siano i benefici della libera circolazione dei contenuti per i cittadini, per la pubblica amministrazione e per le imprese.

    . L’iniziativa, per lo spirito che la anima, si inserisce perfettamente nel filone delle attività promosse dall’amministrazione in vista dell’organizzazione dell’Internet Festival che si terrà a Pisa a maggio per sensibilizzare cittadini, aziende e istituzioni sui valori positivi della rivoluzione digitale e della rete. Diversi i tavoli di discussione che si susseguiranno nella giornata di venerdì tra cui anche quello sugli e-book, i libri digitali. Una nuova frontiera per l’ottimizzazione dello spazio e della praticità. Altra tematica di estrema attualità che verrà dibattuta è quella del Trashware e Software Libero. Una sorta di riciclaggio dei materiali informatici come computer, monitor e stampanti attraverso il riutilizzo e la ricodifica del vecchio materiale. Parlando comunemente, di due vecchi computer rotti ne facciamo uno funzionante. Infatti, oggi esistono molte associazioni e organizzazioni che operano nell’ambito del Trashware recuperando PC usati, dismessi o mal funzionanti ridando loro vita grazie all’istallazione del software libero promuovendo così, una logica del recupero cercando di limitare il disastro ambientale provocato dalle migliaia di computer e periferiche che ogni anno vengono dismessi. Alla manifestazione sarà presente anche

    il vicesindaco Paolo Ghezzi in qualità di presidente di Avis Pisa e provinciale Admo, che per l’occasione lancerà un bando di concorso per la realizzazione di due portali: uno per Avis e uno per Admo. L’idea è quella di unire il mondo del web con quello della solidarietà per raggiungere nuove frontiere attraverso nuovi canali.

    L’organizzazione del Festival è stata curata da Giuseppe Paradiso, segretario e tesoriere del’associazione Idee per Pisa e dai membri di Wikimedia Italia presenti sul territorio. .La manifestazione si chiuderà domenica pomeriggio in piazza delle Vettovaglie con dei giochi

    SHARE