Il teatro del fare e del pensare nelle professionalità educative

    Il teatro del fare e del pensare nelle professionalità educative

    Cascina -

    Incontri e workshop gratuiti a La Città del Teatro Cascina

    SHARE

    La Città del Teatro apre le porte ad una tre giorni di incontri e workshop rivolti a operatori sociali e culturali, artisti e docenti su teatro, produzione e formazione per le nuove generazioni. L’appuntamento è a Cascina dal 24 al 26 maggio con Il Teatro del Fare e del Pensare nelle professionalità educative, nuova tappa di riflessione pubblica sul rapporto fra teatro e nuove generazioni. L’iniziativa, nell’ambito del Patto per il Riassetto del Sistema teatrale della Toscana, prosegue la riflessione aperta da Giallo Mare Minimal Teatro sul ruolo odierno del teatro per l'infanzia e la gioventù nel sistema teatrale regionale e nazionale. I due sono momenti differenti di un percorso di lavoro che intende rilanciare la Toscana come laboratorio di qualità a livello nazionale del teatro per le nuove generazioni, a partire dalle realtà e i territori progettualmente più attivi della regione.

    Il progetto Il Teatro del Fare e del Pensare nelle professionalità educative è ideato da Fabrizio Cassanelli – direttore del Centro Studi de La Città del Teatro e promosso da Regione Toscana con il sostegno di Provincia di Pisa, Comune di Cascina e di San Giuliano Terme e della Consulta dei sindaci per l’educativo del Comune di Pisa. La potenzialità innovativa dell’appuntamento sta nel voler aprire nuove pratiche di dialettica all’interno del binomio teatro – educazione per le nuove generazioni, una connessione che necessariamente deve coinvolgere la fase creativa e produttiva insieme a quella formativa: il fare e il pensare a servizio del creare. Per questo sono chiamati a intervenire gli operatori che portano avanti un lavoro di formazione all’interno di scuole, associazioni, istituzioni socio-pedagogiche, insieme a chi da anni all’interno dei teatri e sul territorio è impegnato nella creazione artistica e nella ricerca di nuove forme espressive e reti di relazione. Obiettivo a lungo termine è la realizzazione di un festival diffuso di teatro educazione che vedrà insieme produttori ed educatori coinvolti nel percorso di progettazione.

    Il 24 maggio è dedicato a tavole rotonde di approfondimento su metodologie già affermate e prospettive di teatro per l’educazione in Toscana. Ad aprire i lavori sarà Donatella Diamanti neo direttrice artistica de La Città del, Teatro . Saranno presenti numerosi operatori dal Teatro Verdi di Pisa, Renzo Boldrini di Giallo Mare Minimal Teatro, Giovanni Guerrieri per i Sacchi di sabbia, Andrea Nanni per Armunia e tanti altri professionisti che racconteranno le loro esperienza di teatro, fra arte e educazione. Fra gli ospiti anche Loredana Perissinotto presidente Agita – associazione per il teatro nella scuola e nel sociale, Laura Gobbi del Dipartimento di Formazione dell’Università di San Marino, Federica Zanetti della Facoltà di Scienze della Formazione – Università di Bologna, Caterina Satta sociologa dell’infanzia dell’Università di Padova.

    25 e 26 maggio sono riservati al lavoro in workshop per un massimo di 20 partecipanti per gruppo. Tre workshop condotti da operatori pedagogisti, filosofi ed artisti: SGUARDI – In che senso il Teatro Educa a visione, trasformazione e bellezza condotto da Giorgio Testa (pedagogista), Fabrizio Cassanelli (regista, attore), Renzo Boldrini (regista, attore) ; INTERAZIONI – In che senso il Teatro Educa a differenza, nonviolenza, intercultura conducono Gigi Gherzi (regista, attore), Enrico Euli (filosofo, psicologo); EMOZIONI – In che senso il Teatro Educa alla poetica del corpo fantasia, creatività conducono Chiara Pistoia (attrice,
    danzatrice), Serena Gatti (attrice), Piera Principe (danzatrice), Mario Piatti (pedagogista). La sera del 24 e 25 maggio a partire dalle 19.30, dopo una parentesi conviviale di aperitivo nello chapiteau di Jack and Joe Theatre, nei diversi spazi de La Città del Teatro saranno presentate le Istantanee di teatro, brevi performance e azioni sceniche a cura di Maurizio Lupinelli, Mario Bianchi, Stefano Gazzarrini, Piera Principe. Ospite di questa sezione il 24 maggio la video installazione La Fonte meravigliosa. Bellezza … conoscenza, un teatrovideomaggio di Mario Bianchi Teatro Città Murata che, attraverso diverse sequenze scelte nella storia del cinema, compie un percorso emotivo alla scoperta dell’educazione alla bellezza.

    Tutte le iniziative de Il Teatro del fare e del pensare nelle professionalità educative sono a Ingresso libero nella giornata del 24, i workshop del 25 e 26 richiedono una iscrizione gratuita, ultimi posti disponibili fino al 20 maggio. Informazione sull’iniziativa sul sito www.lacittadelteatro.it o telefonando allo 050 744400.

     

    Programma
    Giovedì 24 maggio

    9.30    Apertura lavori 
    Alessio Antonelli – Sindaco Comune di Cascina
    Andrea Pieroni – Presidente Provincia di Pisa
    Cristina Scaletti – Assessora Cultura, Turismo e Commercio Regione Toscana
     
    10.15  Un polo del teatro del fare e del pensare tra possibilità e fragilità
    intervengono  Donatella Diamanti – direttrice artistica Fondazione Sipario Toscana
    Fabrizio Cassanelli – Fondazione Sipario Toscana Onlus
    Renzo Boldrini – Giallo Mare Minimal Teatro

    11.00  Tavola rotonda
    In che senso il Teatro Educa? operatori e artisti a confronto su metodologie e pratiche di teatro per l’educazione
    coordinano Laura Gobbi – Dipartimento della Formazione,Università di San Marino
    Federica Zanetti –  Facoltà di Scienze della Formazione, Università di Bologna
    Caterina Satta – sociologa dell’infanzia, Università di Padova

    13.00 pausa pranzo

    14.30  Idee, luoghi, interpreti di Teatro Arte e Educazione
    interviene Loredana Perissinotto (Presidente AGITA)

    15.30    Le esperienze di teatro, arte e educazione in Toscana si raccontano. Cosa, come dove, perché
    coordina Ivana Conte (Responsabile settore Teatro Sociale AGITA)
     
    18.00   Per una editoria del teatro del fare e del pensare – Agorà di discussione confronto su nuove forme di comunicazione di contenuti e metodi del teatro per l’educazione; analisi degli strumenti operativi per quanti operano nelle professionalità educative attraverso i mezzi del teatro.
    18.30 -19.30 aperitivo
    19.30-21 Istantanee di teatro – performance e azioni sceniche

    Venerdì 25 maggio

    9. 30 – 18.00  Formazioni, incontri, scambi, conoscenze   Iscrizione e partecipazione gratuita da presentare entro il 16 maggio
    Articolazione di tre workshop pratici e di discussione per intrecciare specifiche competenze e costruire un condiviso orizzonte culturale e comuni prototipi progettuali.
    I workshop sono condotti da due o più figure di stimolatori e si svolgono in simultanea; è possibile partecipare ad un solo gruppo di lavoro, ogni gruppo ha un massimo di 20 partecipanti.
     
    •    SGUARDI
    In che senso il Teatro Educa alla visione, alla trasformazione e alla bellezza
    Stimolano Giorgio Testa (pedagogista), Fabrizio Cassanelli (regista, attore), Renzo Boldrini (regista, attore)
     
    •    INTERAZIONI
    In che senso il Teatro Educa alla differenza,  alla nonviolenza, all'intercultura
    Stimolano Gigi Gherzi (regista, attore), Enrico Euli (filosofo, psicologo)

    •    EMOZIONI
    In che senso il Teatro Educa alla poetica del corpo, fantasia, creatività
    Stimolano Chiara Pistoia (attrice, danzatrice), Serena Gatti (attrice), Piera Principe (danzatrice), Mario Piatti (pedagogista)
     
    19.30-21 Istantanee di teatro – performance e azioni sceniche

    Sabato 26 maggio

    9.30 – 13   Ripresa dei  lavori in workshop

    13.00   pausa pranzo

    14.30 – 17. 30   Presentazione degli esiti dei workshop.
    Verso un decalogo di idee, convinzioni, proposte e azioni per il futuro del teatro per l’educazione
    Conclusioni

    *24 maggio all’interno di Istantanee di teatro presentazione della video installazione
     La Fonte meravigliosa. Bellezza…conoscenza….. teatro
    videomaggio di Mario Bianchi Teatro Città Murata (34 min)
    La video installazione, attraverso diverse sequenze scelte nella storia del cinema, compie un percorso emotivo alla scoperta di come il sapere stia alla base di ogni cambiamento di sé e del mondo e di come la ricerca della bellezza, in un mondo ormai votato all’omologazione , sia intimamente connaturata ad essa. Il teatro poi, dove centrali sono l'educazione alla bellezza e alla conoscenza risulta essere una delle forme più alte del sapere.

    Per informazioni e iscrizioni ai workshop -scadenza 16 maggio
    Formazione – Ornella Pampana
    formazione.pampana@lacittadelteatro.it tel diretto 050 3142344

    SHARE