Inaugurazione dell’impianto di illuminazione della Botte

    Inaugurazione dell’impianto di illuminazione della Botte

    San Giovanni alla Vena -

    Il programma dell'evento

    SHARE

    E luce sia! Il 27 dicembre la Botte di San Giovanni alla Vena verrà illuminata, grazie a un finanziamento del Consiglio Regionale della Toscana alla presenza del suo presidente, Eugenio Giani. Un primo passo vero il pieno recupero di tutta la struttura. L’evento che precederà l’accensione inaugurale dell’opera, progettata e realizzata dall’ingegner Alessandro Manetti dal 1854 al 1859, si terrà nella ex scuola di San Giovanni alla Vena, alle ore 17.30, con il seguente programma: saluti del Sindaco di Vicopisano, Juri Taglioli, introduzione del Vicesindaco Matteo Ferrucci, presentazione degli studenti della IV C del Liceo XXV Aprile di Pontedera, intervento dell’Associazione “Non c’è futuro senza memoria”, che promuove con impegno e passione la valorizzazione e la tutela della Botte, delle Cateratte Ximeniane e dell’intera zona, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, e conclusioni del Presidente del Consiglio Regionale della Toscana, Eugenio Giani. Alle ore 18.15 spostamento nella vicina località La Botte e prima accensione delle luci.

    «A 158 anni la Botte – dice il Sindaco Taglioli – è ancora una delle opere idrauliche più importanti d’Italia, l’illuminazione è il primo passo per restituirla alla comunità e per valorizzarla agli occhi dei visitatori e dei turisti. Prossimo obiettivo sarà quello di valutare la possibilità di rendere fruibile all’attraversamento, a bordo di un barchino, l’intero tratto sotterraneo che attraversa l’Arno e porta nel territorio di Calcinaia».

    «Come ha sottolineato più volte il presidente Giani, durante le sue numerose visite nel nostro territorio – aggiunge il Vicesindaco Ferrucci – la Botte sotto l’Arno è forse l’intervento più rilevante realizzato dal governo di Leopoldo II. Il contributo del Consiglio Regionale per l’illuminazione va proprio nella direzione della valorizzazione di questa area che dal punto di vista storico, ambientale e turistico è importante per la Toscana intera e non solo, per questo abbiamo intenzione, come Amministrazione, di recuperarla completamente».

    La data del 27 dicembre è stata scelta dal Presidente Giani perché è quella che nel 1716 dette i natali allo scienziato e ingegnere Leonardo Ximenes, che con le Cateratte Ximeniane, capolavoro di ingegneria idraulica, iniziò la regimazione dell’area prima di Manetti.

    Per informazioni: tel. 050/796525-81, comunicazione@comune.vicopisano.pi.it, turismo@comune.vicopisano.pi.it.

    SHARE