Living lab

    Living lab

    Pisa -

    Seminario sul turismo 2.0

    SHARE

    Il turismo viaggia ormai sempre più sulle piattaforme web e sui canali social. Fondamentale quindi che le imprese del settore si mettano al passo con i tempi per raccogliere una sfida che i mercati ormai impongono. Proprio per aiutare in maniera concreta gli operatori turistici della costa, Confesercenti Toscana Nord organizza il 27 febbraio e il 6 marzo un seminario dal titolo “Living lab” on collaborazione con la Fondazione Sistema Toscana. L’appuntamento è presso l’aula informatica dell’associazione in largo Viviani 8 con partecipazione gratuita.

    «E’ la prima volta che viene organizzato un seminario così specifico, e senza alcun costo, per le imprese turistiche – spiega Simone Romoli, responsabile area pisana di Confesercenti Toscana Nord -. Tra gli  obiettivi quello di testare le funzionalità di collaborazione e co-creazione del nuovo ecosistema digitale turistico Visittuscany, puntando a raccogliere contributi e proposte in una logica di miglioramento continuo guidato dagli utenti. Living Lab Zero sarà anche l’occasione per esplorare le funzionalità di Emma, la piattaforma di content e social media management, rivolta agli operatori del settore turistico». Le due giornate si articoleranno dalle 9.30 alle 13.30 con la presentazione e la condivisioni dei portali e della nuova piattaforma; tra i relatori Gianni Masoni responsabile turismo di Confesercenti Toscana, David De Crescenzo di  Fondazione Sistema Toscana e Alexandru Stan che gestisce l’innovazione presso IN2 (capofila del progetto europeo H2020 Emma). Gli operatori interessati possono optare per una delle due date ed iscriversi al Living Lab Zero utilizzando il form di registrazione al seguente indirizzo: http://www.eurosportello.eu/comunicazione-social-media-turistiche-toscana-pisa. La conclusione di Simone Romoli: «Living Lab è un approccio di co-creazione che esplora, sperimenta e valuta idee innovative, scenari, temi di ricerca e prodotti tecnologici correlati, applicandoli a casi d’uso reali. Gli imprenditori che parteciperanno saranno coinvolti non solamente come osservatori e fruitori, ma come fonti di creazione. Il modello Living Lab permette a tutte le parti interessate di considerare le prestazioni globali del prodotto o servizio, sottoponendole alla verifica reale degli utenti».

    SHARE