Ritorno alla Spina

    Ritorno alla Spina

    Pisa -

    Il ciclo pittorico Cinque-Seicentesco

    SHARE

    Tornano alla Chiesa di Santa Maria della Spina le tele che furono rimosse nella seconda metà dell’Ottocento per consentire lo spostamento del monumento dalle sponde dell’Arno al di sopra delle spallette nella sua attuale posizione. Ideata a curata da Cristiano Giometti, la mostra “Ritorno alla Spina. Il ciclo pittorico Cinque-Seicentesco” comprende un gruppo di tele realizzate proprio per la Spina tra la fine del XVI e la metà del XVII secolo. Il ciclo fu smantellato qualche tempo prima dell’avvio dei lavori di spostamento della Spina iniziati nel 1871, per essere trasferito dapprima nella chiesa di San Giorgio dei Tedeschi presso l’Ospedale dei Trovatelli e in seguito nei locali della ex-direzione del Santa Chiara. Riconnettere la chiesa con le trame interrotte della sua storia rappresenta un elemento fondante di questo progetto, teso a valorizzare un luogo centrale per il tessuto culturale cittadino. L’esposizione, a ingresso libero, sarà inaugurata sabato 10 febbraio alle 16 e sarà visitabile fino al 4 marzo marzo con orari: lunedì 10-13; martedì – mercoledì – giovedì: 15-19; venerdì – sabato – domenica: 10-13; 15-19.

    La Chiesa della Spina, gioiello gotico dei lungarni pisani, è stata recentemente restaurata dal Comune di Pisa, che ne è il proprietario, e da allora si sono susseguite una serie di esposizioni. Da alcune settimane il monumento è accessibile a tutti grazie ad una speciale piattaforma mobile a scomparsa che consente l’ingresso alle persone con disabilità fisica.

    Ritorno alla Spina. Il ciclo pittorico Cinque-Seicentesco. Pisa, Chiesa di Santa Maria della Spina, 10 febbraio-4 marzo 2018. Curatore Cristiano Giometti (Università degli Studi di Firenze). Allestimento grafica Ezio Virgili . Realizzazione ACME04. Partners Comune di Pisa, Assessorato Cultura, Dipartimento SAGAS – Università degli Studi di Firenze, Fondazione Pisa, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Pisa e Livorno. Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana. I pittori del ciclo sono Francesco Traballesi (Firenze, 1541—Mantova,1588), Baccio Lomi (Firenze, 1540 ca. –  Pisa, 1596), Ranieri Borghetti (? – Pisa, 1642),  Domenico di Vincenzo Salvi  (Pistoia, 1617 – Pisa, 1667). Durante il periodo della mostra il sabato e la domenica alle ore 16 saranno effettuate visite guidate a cura di Cristiano Giometti e della dottoressa Camilla Nardelli dell’Università degli Studi di Firenze

     

    SHARE