Il cambiamento climatico: il pericolo degli alberi che cadono per il forte...

    Il cambiamento climatico: il pericolo degli alberi che cadono per il forte vento

    Pisa -

    Il Comune di Pisa, per i suoi 15.500 alberi, ha eseguito un monitoraggio sullo stato di salute delle piante, in convenzione con l'Università di Pisa

    SHARE

    Come hanno dimostrato i numerosi alberi caduti in questi giorni di maltempo e di forte vento nelle vicinanza di Pisa, come sull'Aurelia, sulla Pisorno e sulla Bigattiera, ma anche in altre città, l'attenzione alla stabilità delle piante, soprattutto di quelle ad alto fusto che sorgono sul suolo pubblico, si rivela di fondamentale importanza per garantire la sicurezza dei cittadini. Nel Comune di Pisa il fortunale che si è abbattuto soprattutto sul litorale ma anche in parte della città ha causato in via Pietrasantina la caduta di un tiglio, all'altezza del parcheggio scambiatore, senza causare danni. Numerose le segnalazioni della Protezione Civile per alberi caduti da proprietà privata, in alcune strade a Tirrenia, ma anche in via di Pratale, via 2 settembre e via Monterosa.

    Il Comune di Pisa ha presentato a inizio 2017 un masterplan del verde, che ha previsto un monitoraggio sullo stato di salute dei 15.500 alberi che costituiscono il patrimonio arboreo della città, in collaborazione con il Dipartimento di Agraria dell'Università di Pisa e con i tecnici di Euroambiente. Grazie a questo controllo sono stati individuati 287 alberi da abbattere, molti dei quali già rimmossi, come quelli sulle Piagge, in piazza San Paolo a Ripa d'Arno e a Porta a Lucca: si tratta di piante che all’apparenza esterna sembrano spesso normali, ma ad un esame approfondito risultano all’interno decisamente compromessi e in molti casi completamente cave perché hanno contratto malattie, come per esempio funghi, e che devono essere rimosse per evitare pericoli alle cose e alle persone. Al loro posto saranno ripiantumati in tutto 354 nuovi alberi, di cui 300 già piantati a Porta a Lucca presso il Parco di via Giovanni Falcone e 32 sulle Piagge.

    Proprio in questi giorni a Barbaricina in via Costa è in corso la rimozione di 17 pini che risultavano a rischio di caduta e che, col passare degli anni, avevano reso impraticabile l'asfalto della strada, come è avvenuto in molte strade e marciapiedi di Pisa. Ovviamente le piante rimosse nel Comune di Pisa vengono sostituite con piante similari, nel caso di tigli e altri alberi che non creano problemi, o con essenze arboree alternative, meglio rispondenti alle esigenze date dal contesto urbano in cui devono crescere.

    Gli interventi di rimozione degli alberi nei vari quartieri della città sono stati anticipati da un percorso partecipativo che ha coinvolto i cittadini e i CTP di tutti i quartieri, con assemblee aperte al pubblico in cui i professori dell'Università di Pisa, i tecnici di Euroambiente, insieme al dirigente Daole e all'assessore al Verde Paolo Ghezzi, hanno spiegato i problemi specifici degli alberi da abbattere e i progetti di ripiantumazione e riqualificazioni delle aree verdi in questione. (E.F)

    SHARE