L’orto Botanico gratuito ogni prima domenica del mese

    L’orto Botanico gratuito ogni prima domenica del mese

    Pisa -

    L'annuncio è stato dato nell'ambito della presentazione del nuovo esemplare di pino di Wollemi

    SHARE

    «E' stato scoperto nel 1994 ed è uno dei tre fossili presenti sulla nostra terra, un vero e proprio fossile vivente la cui scoperta fu definita come 'equivalente al ritrovamento di un piccolo dinosauro sopravvissuto sino ai nostri giorni'. Lui è la nuova 'star' dell'orto botanico, il Pino di Wollemi ( Wollemia Nobilis), specie originaria dell'Australia sud-orientale, ed è a elevato rischio di estinzione.»

    Questo uno dei due annunci oggi all'orto botanico dove il Direttore dell'orto, Lorenzo Peruzzi , è intervenuto spiegando le peculiarità del nuovo Pino, il suo arrivo e la fortuna «di 'averlo trovato in casa nostra. Incredibile che una pianta australiana così rara fosse presente sul nostro territorio. L'abbiamo infatti trovata grazie alla famiglia Del Gratta che l'aveva acquistata dalla società australiana dedicata a questi esemplari rari e preziosi».

    L'altro annuncio è arrivato direttamente dal Presidente del Consiglio Comunale, Ranieri Del Torto: «abbiamo accolto molto bene questa nuova apertura dell'università alla città. Sarà infatti possibile visitare il polmone verde della nostra città, l'orto botanico, gratuitamente ogni prima domenica del mese come in tutti i musei statali. Un'altro passo di apertura dell'ateneo e del sistema museale d'ateneo alla città. L'orto è solo uno dei moltissimi tesori che la nodstra città nasconde ed ha voglia di riscoprire»

    «Dobbiamo un sentito ringraziamento al Presidente Del Torto – sostiene la professoressa De Francesco– per averci lanciato questa proposta. Una testimonianza della forza di volontà dell'ateneo di apertura verso l'esterno. Così, dal 4 giugno, ogni prima domenica del mese questo immenso spazio verde sarà accessibile a tutti, gratuitamente»

    Torna a risplendere anche il Museo dell'Orto Botanico, chiuso dall'ottobre del 2016 per restauro al suo interno. Dopo molti mesi ecco le cere antiche dell'800, grazie ad un restauro finanziato dalla Fondazione Pisa.

    L'orto e il Museo sono visitabili tutti i giorni, in orario estivo, dalle ore 8.30 alle 20. Possibilità di abbonamenti annui, visite in gruppi o singoli.

    Giulia Giardino

    SHARE