Dagli insetti ai robot: quando la natura ispira la tecnologia

    Dagli insetti ai robot: quando la natura ispira la tecnologia

    Pisa -

    Alla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa riprendono i seminari del ciclo “Orizzonti”

    SHARE

    Una panoramica sui successi nella ricerca e sulle nuove sfide nei diversi campi dell’ingegneria: da giovedì 15 marzo alla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa (ore 17.30, presso Istituto TeCIP, via Moruzzi 1 – aula blu) riprendono “Orizzonti in  ingegneria”, gli incontri aperti al pubblico, curati da Carlo Alberto Avizzano, docente all’Istituto TeCIP (Tecnologie della Comunicazione, Informazione, Percezione) della Scuola Superiore Sant’Anna. Nella maggior parte degli incontri, i relatori saranno ex allievi del Sant’Anna: è così anche per il seminario del 15 marzo, con Giovanni Benelli, ex allievo di Scienze agrarie del Sant’Anna, oggi assegnista di ricerca all’Università di Pisa. Nel suo intervento “Che cosa possiamo imparare dagli insetti?”, Giovanni Benelli presenterà i risultati di ricerche che uniscono il mondo animale a quello della biorobotica. Il seminario fornirà spunti sui più recenti risultati delle ricerche in entomologia. Affronterà, in particolare, tematiche del comportamento degli insetti, offrendo spunti di riflessione per la progettazione di robot e macchine bio-inspirate. L’incontro del 15 marzo con Giovanni Benelli sarà introdotto da Cesare Stefanini, docente all’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna, che presenterà lo stato dell’arte sulla robotica bioispirata, sviluppata all’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna.

    Chi è Giovanni Benelli. Ha condotto il dottorato di ricerca alla scuola di dottorato in Scienze agrarie e veterinarie (Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna), è stato premiato per la tesi, intitolata “Visual and olfactory cues perceived during reproductive behaviour by the fruit flies parasitoid Psyttalia concolor (Hymenoptera: Braconidae)”, focalizzata sul controllo eco-compatibile dei Ditteri Tefritidi, noti anche come mosche della frutta, mediante agenti di controllo biologico. I risultati contenuti nella tesi dottorale di Giovanni Benelli sono stati oggetto di pubblicazione in 9 articoli su riviste internazionali. Attualmente, Giovanni Benelli svolge attività di ricerca come assegnista presso il dipartimento di Scienze agrarie, alimentari e agro-ambientali dell’Università di Pisa, dove si occupa di ecologia comportamentale di organismi utili in lotta biologica, con particolare riferimento al ruolo evolutivo dell’aggressività e all’apprendimento di stimoli visivi e olfattivi in contesti riproduttivi. Nel complesso, la sua attività ha portato alla pubblicazione di oltre 70 articoli, di cui 55 su riviste internazionali.

    SHARE