Parigi attraverso la lente di Robert Doisneau

    Parigi attraverso la lente di Robert Doisneau

    Pisa -

    Il "Pescatore di immagini" dal 23 marzo al 17 giugno in mostra al Museo della Grafica

    SHARE
    Baiser de l'Hôtel de Ville, 1950

    “Parigi è un teatro dove si paga il biglietto con il proprio tempo perso”

    Arriva al Museo della Grafica (Palazzo Lanfranchi) la mostra Robert Doisneau. Pescatore d’immagini, dedicata al grande fotografo francese. La mostra aprirà al pubblico il 23 marzo e si concluderà il 17 giugno, in un periodo molto intenso per la cultura fotografica a Pisa, vista la concomitanza con la mostra del fotografo del National Geographic Michael Yamashita al Palazzo Blu. Nella mostra saranno presenti 70 scatti in bianco e nero che ripercorrono la vicenda artistica di uno dei più importanti fotografi del Novecento, e l’esposizione è pensata per essere family friendly, con percorsi tematici didattici anche per i bambini. Il percorso espositivo di Palazzo Lanfranchi si apre con l’autoritratto del 1949 e ripercorre i motivi più cari a Doisneau, conducendo il visitatore in un’emozionante passeggiata nei giardini di Parigi, lungo la Senna, per le strade del centro e della periferia, nei bistrot e nelle gallerie d’arte della capitale francese. Doisneau viene definito Pescatore d’immagini perché, proprio come i pescatori, prima di scattare sapeva aspettare, riuscendo così a cogliere nelle sue foto il momento perfetto.

    doisneau bambini

    I soggetti prediletti delle sue fotografie sono, infatti, i parigini: le donne, gli uomini, i bambini, gli innamorati, gli animali e il loro modo di vivere in questa città senza tempo. Nelle parole dell’artista: “Le meraviglie della vita quotidiana sono così emozionanti; nessun regista cinematografico sarebbe capace di comunicare l’inatteso che si trova nelle strade”.

    Doisneau (1912 – 1994) ha lasciato l’immagine della Parigi più vera, ormai scomparsa e fissata solo nell’immaginario collettivo: quella dei bistrot e dei clochards, delle antiche professioni e dei mercati a Les Halles, dei caffè di Saint Germain des Prés punto d’incontro per intellettuali e artisti, delle persone nelle strade che compiono gesti di vita quotidiana.  Tra le varie sezioni della mostra, una è dedicata ai bambini, alle loro facce e la loro spontaneità, ma ci sono anche l‘ironia, i giochi di sguardi e i ritratti, sempre mantenendo uno sguardo attento su Parigi.

    3835--Robert-Doisneau-Musee-d-Ixelles

    La sua capacità è proprio questa: la capacità di cogliere elementi nella normalità che da quanto sono normali tendono a sfuggire, ma che in realtà, colti nel momento giusto, possono diventare meravigliosi.

    Robert-Doisneau

    La mostra è ospitata al Museo della Grafica (Università di Pisa, Comune di Pisa) ed è curata dall’Atelier Robert Doisneau in collaborazione con Piero Pozzi, prodotta e realizzata da Di Chroma Photography, ViDi – Visit Different.

    Francesca Simonetti

    SHARE