Riqualificazione de I Passi, si comincia

    Riqualificazione de I Passi, si comincia

    Pisa -

    Bandita la gara per il primo lotto

    SHARE

    Il Comune di Pisa si è aggiudicato le risorse per “rigenerare” e “far rinascere” il quartiere de I Passi. Malgrado questo la Regione nei mesi scorsi ha diminuito in modo corposo il suo contributo (6 milioni e 300mila euro cui si aggiungono risorse comunali e di Apes per arrivare a 8 milioni). Firmata ad aprile la convenzione con la Regione il progetto intero è stato presentato ufficialmente ai residenti. Adesso si passa ai fatti. È stata bandita la gara del primo lotto (1 milione, scadenza offerte 2 novembre). In questo primo lotto si lavora alle strade principali del quartiere: via Nievo, via Cuoco, via Giordani, comprese le traverse tra via Monti e via Giordani e le piazze di via Nievo e quella con la pensilina per il mercato. Saranno rifatte le strade, i marciapiedi, le aiuole, l’illuminazione pubblica e le piste ciclabili. Leggi ancheI passi, il progetto completoRimangono sul tappeto le questioni poste dai residenti su cui l’Amministrazione si è impegnata:presidio medico e superamento del passaggio a livello. Fatta la bonifica di via Giordani

    I Passi, la storia del quartiere – Negli anni ’60, nasce, al di là della ferrovia per Lucca, un quartiere di qualità, I Passi. Dopo l’edilizia d’emergenza degli anni ’50, viene realizzato, grazie al piano Ina Casa, un quartiere con case ben costruite, vialetti alberati, scuole, impianti sportivi, mercatino e piazza. Servito dai mezzi pubblici, un edicola e un benzinaio. Gli anno sessanta esprimono la voglia degli italiani di tornare a vivere: siamo all’imminente vigilia del boom. E i Passi bene esprimono ciò. Negli anni a venire ai Passi vanno a vivere anche studenti le cui famiglie in alcuni casi comprano la casa. Fuori dal quartiere, al di là della strada principale che negli anni a venire conoscerà un notevole aumento del traffico, sorgono vari edifici. Oggi il quartiere subisce il peso degli anni. Adesso, finalmente, il Comune ha trovato i mezzi economici per riqualificarlo e ha presentato ai residenti il progetto. Si tratta di 8 milioni per restyling di strade, verde, illuminazione e marciapiedi. Via i pini che deformano le strade ed i marciapiedi. Al loro posto nuovi alberi compatibili. Lavoro diviso in tre lotti. Nel primo saranno riqualificate strade e piazze, compresa quella con la pensilina per il mercato. Poi sarà riqualificato il centro sociale che avrà una nuova sala multifunzionale. Infine le case per anziani con progetto innovativo di coabitazione con familiari e badanti, palestra e presidio medico. La questione della viabilità: il superamento passaggio a livello è una questione per tutta la città. Va trovato l’accordo con Ferrovie tramite convenzione. Sarà d’aiuto la tangenziale nord est

    I lavori del primo lottoRifacimento di largo Ippolito Nievo, via Pietro Giordani, via Vincenzo Cuoco, zona compresa tra via Pietro Giordani e via Vincenzo Monti con interventi sui piani viabili, stradali e pedonali, tramite allargamento delle strade (ove possibile), risanamenti e nuove asfaltature e rifacimenti dei marciapiedi. Tali interventi si rendono necessari per eliminare i gravi ammaloramenti dovuti soprattutto ai pini. Si provvederà anche al miglioramento della regimazione delle acque bianche, mediante il rifacimento della fognatura bianca (nei tratti ammalorati dalle radici degli alberi). Sono previsti anche interventi di forestazione urbana nelle aree a verde mediante taglio di alberature esistenti e loro sostituzione con idonee specie La realizzazione di tre tratti di pista ciclopedonale tra di loro connessi: da via XXIV Maggio (collegandosi con quella già esistente) lungo Via Giordani a raggiungere gli impianti sportivi; dalla pista ciclopedonale di progetto di via Giordani lungo via Cuoco, consentendo il collegamento dei principali impianti pubblici e di pubblica utilità del quartiere, a servizio anche dell’intera città (strutture sportive, sociali e scolastiche); dalla pista ciclopedonale di progetto in via Giordani (all’interno dell’area a verde confinante con via XXIV Maggio) a largo Ippolito Nievo in prossimità della nuova piazza di progetto, dove è prevista l’installazione della stazione di bike – sharing. Le tre piste ciclopedonali, tra loro interconnesse, saranno pertanto collegate con quella già esistente in via XXIV Maggio, realizzando perciò il collegamento delle ciclopiste di nuova realizzazione con le altre piste ciclabili della città. L’attuale slargo Ippolito Nievo verrà riconfigurato come area di incontro di mobilità intermodale comprendendo parcheggi pubblici gratuiti in connessione con la stazione del bike – sharing e la fermata di TPL che connette il quartiere con i principali nodi di mobilità dell’intera città (luoghi istituzionali, stazione ferroviaria, stazione autobus extraurbano). Parte dello slargo (quella a Nord) verrà utilizzata come parcheggio e parte dello slargo (quello a Sud) sarà utilizzato come piazza. Il parcheggio, che avrà la capienza di 88 posti auto, sarà dotato di nuovo impianto di illuminazione con corpi illuminanti a led. La piazza avrà una configurazione tale da ridurre la velocità di accesso al quartiere e riqualificarne l’ingresso, con funzioni di zona pedonale completa di alberature e arredo urbano e di smistamento di parte della viabilità interna del quartiere (di fianco alla piazza, infatti, sarà realizzato il collegamento tra via Monti e via Francesco De Sanctis).

    SHARE