Festa di apertura delle Mura, il programma

    Festa di apertura delle Mura, il programma

    Pisa -

    Venerdì musica, letture e videoinstallazioni

    SHARE

    L’attesa è quasi terminata. Ormai manca davvero poco all’apertura a regime delle Mura in tutta la loro estensione, che si concretizzerà questo venerdì 18 alle 17.30 con una festa di inaugurazione, con proiezioni e varie attività. Dal giorno successivo, sabato, le mura diventeranno a pieno titolo un bene turistico fruibile da tutti per tutti i giorni della settimana e andrà ad ampliare l’offerta turistica di Pisa. Orari: 9-19 in alta stagione, 9-21 il venerdì e il sabato da giugno ad agosto e 10-15.30 in bassa stagione. Biglietti: 3 euro, 5 euro con app, gratuito per disabili, accompagnatore di un portatore di handicap, insegnanti accompagnatori (2 ogni 15 studenti), bambini fino a 8 anni, guide turistiche/accompagnatori turistici, disoccupati, gruppi per visite speciali, residenti a Pisa.

    Il programma di venerdì 18 maggioAlle 17.30, alla Torre Santa Maria in piazza dei Miracoli, i saluti istituzionali e l’accesso libero alle  Mura che saranno animate da eventi e spettacoli tra musica, magia, letture ad alta voce e  videoinstallazioni.

    A partire dalle ore 18, guidato dai figuranti dell’Associazione Sbandieratori e Musici Città di Pisa,  il pubblico, passeggiando sul camminamento, incontrerà, dislocati in alcune postazioni lungo tutto il percorso, i Lettori del Laboratorio di Lettura ad Alta Voce del Teatro Sant’Andrea che renderanno omaggio al genio galileiano, artefice di un radicale cambio di prospettiva, il metodo scientifico, che la leggenda tramanda essere stato inaugurato proprio al cospetto delle Mura.

    Dalle 18.30 alle 20 gli amanti della musica potranno ascoltare l’Ensemble Gaia Chansso, formazione nata dalla pluriennale esperienza della Scuola di Musica Bonamici, che proporrà, nella spettacolare location della Torre del Catallo, un repertorio strumentale e vocale del ‘300 e ‘400 italiano e fiammingo. Gli amanti della magia e del circo, sia grandi che piccini, si potranno stupire e divertire, in prossimità della Torre Piezometrica, con brevi performance di magia di sapore medievale curate dalla Cooperativa Chez Nous Le Cirque.

    Alle ore 21 la festa prosegue presso le Officine Garibaldi, in Via Gioberti con una videoinstallazione “Alla scoperta della Mura – luci e ombre della Pisa medievale”, a cura di Lorenzo Garzella e Acquario della Memoria, con il supporto della Cooperativa Paim e in collaborazione con Accademia Alma Artis e Comune di Pisa. 

    Concluderà la serata il dialogo tra l’architetto Marco Guerrazzi (Comune di Pisa), che ha curato il restauro delle Mura e la professoressa Gabriella Garzella (Società Storica Pisana), profonda conoscitrice della storia medievale e urbanistica di Pisa moderati da Raffaele Zortea (PisaInformaFlash-ufficio stampa Comune di Pisa). Un momento importante, legato al tema dell’accessibilità ai monumenti, si svolgerà invece nel pomeriggio quando un gruppo di studenti del Liceo Classico G. Galilei, coordinati dal Coordinamento Etico dei Caregivers di Pisa, accompagnerà alcuni coetanei diversamente abili in un percorso guidato ed inclusivo che li condurrà ad assistere dall’alto alla cerimonia di apertura per poi ripercorrere il tragitto insieme a tutti i partecipanti.

    Le Antiche Mura – Da piazza dei Miracoli a piazzetta Del Rosso: 3,1 km di percorso con quattro punti salita di cui tre accessibili ai disabili. Torre Santa Maria, torre piezometrica alla Marzotto, piazza delle Gondole, la torre di legno da piazza del Rosso. A terra un percorso con 20mila metri quadrati di verde recuperato, pista ciclopedonale, videosorveglianza e illuminazione a lampioni e scenografica con 232 led. Percorrendolo si possono ammirare tratti di mura e bastioni prima nascosti da boscaglia o da aree private che sono state acquisite dal Comune.

    Le Mura di Pisa sono gestite da un’associazione di imprese formata da Società Cooperativa Culture, Itinera e Promocultura che si è aggiudicata la gara. Sono aziende con esperienza nel settore che già gestiscono importanti luoghi della cultura sul territorio nazionale.

    SHARE